friuli venezia giulia

Friuli Venezia Giulia

Gli orientamenti strategici regionali in tema di export e internazionalizzazione

Il Friuli Venezia Giulia in virtù della sua posizione geografica ha svolto tradizionalmente un’azione politico-istituzionale verso i Paesi dell’Est Europa, prima attraverso la Comunità di Lavoro Alpe Adria e successivamente attraverso gli strumenti della legge 19/1991 (Norme per lo sviluppo delle attività economiche e della cooperazione internazionale della regione Friuli-Venezia Giulia, della provincia di Belluno e delle aree limitrofe) contribuendo ad accompagnare le politiche di allargamento dell’Unione Europea e sostenendo nel contempo le imprese del territorio nel processo di internazionalizzazione.

La Regione ha inteso confermare la sua vocazione internazionale con l’approvazione di una legge regionale denominata SviluppoImpresa che mira, tra l’altro, a sostenere il sistema produttivo nell’export e nell’attrazione degli investimenti, migliorando altresì il livello di internazionalizzazione dell’economia regionale e rafforzando la rete di collaborazioni internazionali, anche utilizzando al meglio le tecnologie digitali.

In tal senso, la Regione, anche grazie al Sportello regionale per l’internazionalizzazione (SPRINT), sostiene le iniziative di internazionalizzazione delle imprese regionali collaborando con i portatori di interesse pubblici e privati e raccordando la politica di promozione sui mercati esteri e di rafforzamento della rete internazionale con le strategie nazionali ed europee. Inoltre, l’accesso alle Aree tematiche “Efficient and Sustainable Manufacturing” e “High performance production through 3D-printing” ha richiesto l’adesione della Regione alla Vanguard Initiative (VI), coinvolgente una molteplicità di regioni europee tesa ad avvalersi della propria Strategia di Specializzazione Intelligente per promuovere la nuova crescita attraverso l'innovazione imprenditoriale dal basso verso l’alto ed il rinnovamento industriale nelle aree di intervento ritenute prioritarie dall’Unione Europea. Tale adesione è avvenuta formalmente lo scorso 24 giugno 2020, dopo un anno di partecipazione della Regione alla rete in qualità di osservatore. L’adesione formale alla VI è ritenuta essenziale per consentire alla Regione e ai cluster regionali di potersi avvalere di contatti qualificati e di competenze per velocizzare le capacità di aggregazione in consorzi di rilievo internazionale e, di conseguenza, di partecipazione a bandi internazionali.

I servizi regionali di assistenza alle imprese

Servizi di affiancamento e consulenza

INFORMEST (Agenzia per lo Sviluppo e la Cooperazione Economica Internazionale)

Nasce come struttura pubblica con la legge 19/1991, con l’obiettivo di promuovere la cooperazione economica e l’internazionalizzazione, fornendo un supporto strategico e operativo. Le aree di riferimento sono il Nord Est italiano e i Paesi dell’Europa Centro-Orientale e Balcanica, Russia e Paesi CSI, Cina e Asia.

Sviluppa progetti di cooperazione in ambito internazionale con l’implementazione di fondi strutturali europei, programmi europei di ricerca ed innovazione, strumenti di cooperazione nazionali e regionali. Sviluppa ricerca economica e analisi degli scenari geopolitici e geoeconomici dei Paesi di riferimento. 

Per saperne di più

Servizi di supporto finanziario

FINEST SPA (Società Finanziaria per l’Internazionalizzazione delle Imprese)

Nata nel 1991 con la legge 19/1991 al fine di agevolare lo sviluppo delle attività economiche e della cooperazione internazionale nel territorio, Finest è una Società per azioni partecipata da Friulia SpA, società finanziaria della Regione Friuli Venezia Giulia, dalla Regione Veneto, dalla Provincia Autonoma di Trento, dalla Simest e da alcune banche del territorio, nonché è referente del Ministero per lo Sviluppo Economico. È un equity partner e socio finanziatore che supporta attivamente le imprese del Triveneto acquisendo quote di minoranza del capitale sociale di Joint Venture estere e sviluppando finanziamenti esteri diretti a favore delle imprese.

È operativa in 44 Paesi compresi tra l’Europa Centrale e Orientale, Balcani, Russia e Paesi CSI e Paesi del Mediterraneo.

Dalla costituzione ad oggi ha sviluppato oltre 600 operazioni estere di valore pari a oltre 360 milioni di euro, erogati a favore del sistema industriale del Nordest italiano, affiancando al proprio ruolo finanziario un’ampia gamma di servizi che consentono alle imprese di realizzare con successo i propri progetti, coinvolgendo a tale scopo un network di operatori internazionali consolidato, rivestendo così anche il ruolo di generatore di business.

Per saperne di più

Strutture dedicate

Sportello per l’Internazionalizzazione (SPRINT FVG) Lo SPRINT F.V.G.

Sportello regionale per l'internazionalizzazione della Regione Friuli Venezia Giulia, è nato da un'intesa siglata il 5 marzo 2001 tra il Ministero per il Commercio Internazionale e la Regione, in conformità al decreto legislativo 143/1998 e successive modifiche e integrazioni. Lo Sportello unico per l’internazionalizzazione ha originariamente riunito numerosi attori che operano a sostegno dell'internazionalizzazione a livello locale e nazionale, coordinandone l'azione in risposta alle esigenze e richieste che giungono dal territorio.

Fanno parte dello SPRINT F.V.G., oltre alla Regione Friuli Venezia Giulia, il Ministero dello Sviluppo Economico, ICE, SIMEST, SACE, Finest, Informest, Friulia e l'intero sistema camerale regionale. Con la successiva trasformazione in Sportello regionale la promozione e gestione sono affidati a Finest S.p.A. con l'obiettivo di favorire la diffusione sul territorio degli strumenti comunitari, nazionali e regionali di politica commerciale e supporto a progetti di promozione dell'export da parte delle PMI del territorio.

Scopo principale dello Sportello è quello di costituire un punto di contatto unico per le imprese della Regione FVG al fine di promuovere l'internazionalizzazione del sistema regionale.

SPRINT FVG mira a facilitare l'utilizzo, da parte delle imprese e del sistema economico regionale, di strumenti finanziari, assicurativi, promozionali e di assistenza tecnica che permettono la realizzazione di progetti di internazionalizzazione, ossia, tipicamente, la ricerca di opportunità di sviluppo internazionale, per l'export e gli investimenti.

Per saperne di più

 

Programmi e iniziative in corso

  • Analisi e revisione mappature dati storici alla luce dello sviluppo Covid; analisi diretta sulle aziende e sull’impatto economico; realizzazione di percorsi e-learning per aziende su argomenti post Covid e modalità di accesso finanziamenti EU per le imprese; assistenza tecnica e progettuale ad iniziative di ricerca scientifica e tecnologica con il sistema delle imprese ed il sistema scientifico regionale a forte impatto internazionale e transfrontaliero.
  • Opportunità di finanziamento rivolte alle imprese in ambito europeo, con particolare riferimento ai nuovi programmi finanziari (Crowdfunding & Invest EU). Contatti e scambio di informazioni con i gruppi di lavoro promossi a livello regionale sul fronte dei fondi/programmi a gestione diretta. Attivazione di un network di esperti in grado di orientare e segnalare alle imprese gli strumenti di finanziamento più adeguati, agevolandone la fruizione. Supporto al Servizio Relazioni Internazionali nell’attività di consolidamento della posizione che il “Sistema FVG” ha acquisito negli ultimi anni nei Balcani, nei paesi dell’Europa Centrale, nei Paesi del Mediterraneo, nei Paesi coinvolti nella Politica di Vicinato UE e nella Federazione Russa, anche per il tramite dell’Antenna FVG a Mosca.
  • Progetto “Winter School FVG-Baviera" promossa dal Cluster COMET, che si inserisce nell’ambito dell’intesa tra Regione autonoma FVG e il Libero Stato di Baviera sottoscritta nel 2016, che ha visto l’instaurarsi di una collaborazione tra il predetto Cluster e il suo omologo bavarese soprattutto per iniziative di formazione dedicate alle aziende del settore metalmeccanico/manifatturiero. Realizzazione di un “boot camp” di tre giorni, focalizzato sul tema dell’utilizzo/ottimizzazione dei dati da parte delle aziende manifatturiere che hanno già intrapreso un percorso di digitalizzazione dei propri processi produttivi.

Contatti utili: 

  • 0434229823
  • segreteriasprint@finest.it

Per saperne di più

Allo scopo di sviluppare ulteriormente e in modo integrato il processo di internazionalizzazione e di sviluppo di iniziative a sostegno delle imprese del sistema Nord Est, le due Regioni limitrofe hanno sottoscritto nelle forme previste dall’articolo 24 del Decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 in data 24 settembre 2019 un Accordo approvato dalla Giunta regionale del FVG con delibera n. 1018 del 21 giugno 2019 e dalla Giunta regionale del Veneto con delibera n. 1122 del 30 luglio 2019. Con l’Accordo, le due regioni intendono dotarsi di uno strumento agile, in grado di individuare e conseguire politiche pubbliche comuni a favore dello sviluppo del Nord Est in una fase di importanti e rapide trasformazioni geopolitiche che, se opportunamente colte, possono ridare centralità all’azione politico-istituzionale del FVG e del Veneto che lo Stato ha riconosciuto con la legge n. 19/1991.

Finest S.p.A. è stata individuata come presidio operativo permanente e di coordinamento generale delle attività dalle deliberate nell’ambito dell’Accordo. Nel corso del mese di maggio 2020 hanno aderito all’Accordo Unioncamere del Veneto, la Camera di Commercio della Serbia e la Camera dell’Artigianato della Regione istriana.

È in fase di definizione il Piano operativo per il 2021 che prevederà iniziative comuni delle due Regioni per sviluppare politiche locali di sostegno all’internazionalizzazione, in particolare:

  1. Elaborazione e realizzazione di progetti comuni per lo sviluppo sostenibile delle due regioni, il miglioramento della cultura d’impresa e la qualità della struttura produttiva; diffusione delle competenze d’impresa sui canali distribuzione digitali
  2. Valorizzazione dei comparti produttivi prioritari
  3. Eventi e iniziative di conoscenza dei mercati (missioni, formazione, eventi)
  4. Individuazione occasioni di investimento di PMI, con priorità verso i paesi aderenti all’accordo quali Serbia, Istria e Balcani in generale.

Contatti utili:

  • 0434 229823
  • info@finest.it
  • marketing@finest.it

Per saperne di più

Sono in corso di attuazione i progetti finanziati dalla Regione in base al bando emanato nel 2019 ai sensi del Capo VIII della Legge regionale 20 gennaio 1992, n. 2 <<Disciplina della programmazione della politica industriale. Nuove norme e provvedimenti di modifica ed integrazione degli strumenti di intervento>>, la quale prevede che, allo scopo di promuovere e sviluppare il processo d'internazionalizzazione delle imprese, l'Amministrazione regionale è autorizzata a concedere contributi per l'attuazione di programmi pluriennali di promozione all'estero, comprendenti un complesso organico di iniziative articolate su un arco temporale non inferiore a due anni, promossi da piccole e medie imprese industriali e di servizio. I contributi sono destinati a finanziare le spese sostenute da PMI industriali e di servizio alla produzione per:

a) la partecipazione a fiere e mostre, riconoscendo come ammissibili le spese per il prezzo di iscrizione agli eventi, l’affitto dello spazio espositivo, anche preallestito, l’acquisizione di servizi per l’allestimento e la gestione dello spazio espositivo (compresi il noleggio delle strutture espositive, delle attrezzature e degli arredi, la realizzazione degli impianti e l’assistenza ai visitatori)

b) la promozione relativa alla partecipazione agli eventi di cui alla lettera a)

c) l’acquisizione di consulenze concernenti studi di mercato (inclusa la materia della contrattualistica e la materia doganale e fiscale) riguardanti gli stati esteri cui è rivolto il programma di promozione e l’acquisizione di consulenze finalizzate all’internazionalizzazione dell’organizzazione e dell’attività produttiva (incluse le consulenze concernenti la realizzazione di azioni di marketing internazionale e la ricerca di partner esteri).

L'intensità massima dell'incentivo è pari al 50 per cento della spesa ammissibile. L'ammontare massimo dell'incentivo concedibile per domanda è pari a 150.000,00 euro. Il limite minimo di spesa ammissibile per domanda è pari a 10.000,00 euro.

La gestione amministrativa relativa ai procedimenti di concessione degli incentivi è delegata alle Camere di commercio regionali.

Attualmente sono stati finanziati 33 progetti mediante la concessione di incentivi del valore complessivo di EUR 3.012.140,62.

Contatti utili: 

  • 040 3772512
  • gianandrea.fumis@regione.fvg.it

Per saperne di più

Contatti

FINEST SPA

Via dei Molini 4, 33170, Pordenone
info@finest.it
0434229823

SPRINT FVG

Via dei Molini 4, 33170, Pordenone
segreteriasprint@finest.it
0434229823

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione centrale attività produttive e turismo

Via Trento n. 2, 34100, Trieste
gianandrea.fumis@regione.fvg.it
0403772512

I servizi regionali